Italian English French German Spanish
Approfondimento

Sondaggio
Trovi utile il parcheggio comunale sotto al ponte di Ariccia collegato al paese con l'ascensore?
 
Vota la fraschetta

Facebook

Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

La cultura del vino nel Lazio ha origini antichissime visto che i romani e, prima ancora gli Etruschi, erano dediti alla coltivazione della vigna. Tra i laziali ed il nettare di Bacco, il legame era talmente forte che essi istituirono numerose feste in occasione della vendemmia e d'altri momenti legati al ciclo della vite, tra cui i famosi baccanali e le vinali descritte da Plinio e Columella. uva Sopravvissuta al crollo dell'Impero Romano grazie al sapiente lavoro dei monaci, la viticoltura di questa regione ha conosciuto periodi di grande splendore alternati ad altri d'oblio e d'oscura decadenza. Nell'ultimo decennio, grazie al lavoro ed alla passione di molti viticoltori che hanno migliorato i vecchi impianti e ammodernizzato le tecniche di vinificazione, si sta redifinendo l'immagine del vigneto Lazio e si colgono un po' ovunque incoraggianti segnali di rinnovamento e crescita. Il territorio, d'altronde, non manca certo dei requisiti necessari per assurgere a protagonista di rilievo nell'enologia nazionale: temperature miti, gran varietà di microclimi e straordinaria eterogeneità dei suoli.

tavola

Il Parco dei Castelli Romani è sicuramente una delle aree protette italiane a maggior vocazione vitivinicola: e non potrebbe essere altrimenti, considerato che il nome stesso del parco evoca una celebre tipologia di vini romani. Ma quella dei Castelli non è l'unica Doc a insistere sul territorio del parco. Le denominazioni sono numerose e in parte si sovrappongono, in parte si escludono. Quella dei Castelli è la più generale, quella che abbraccia quasi tutti i comuni del parco. Prevede vini bianchi, rosati e rossi, nelle tipologie secco, amabile, frizzante e novello (solo per il rosso). I vitigni consentiti sono la malvasia di Candia e puntinata, il trebbiano e altri sino a un massimo del 30% per i bianchi. Per i rossi e i rosati sono leciti cesanese, merlot, montepulciano, nero buono e sangiovese. Nei comuni di Frascati, Grottaferrata, Monteporzio Catone e parte di Montevinocompatri si ha la denominazione Frascati Bianco, che si ottiene da vitigni malvasia di Candia e trebbiano toscano, più altri consentiti sino a un massimo del 30%. Nel territorio del comune di Marino e parte di quelli di Roma e Castel Gandolfo si ha la denominazione Marino, riservata ai bianchi ottenuti con malvasia di Candia, localmente detta malvasia rossa, trebbiano e malvasia del Lazio, localmente detta puntinata. Nel territorio dei comuni di Ariccia, Albano e parte di Pomezia, Ardea,  Castel Gandolfo e Lanuvio si ha la denominazione Colli Albani per bianchi ottenuti da malvasia di Candia, trebbiano e malvasia del Lazio. Infine nel territorio di Colonna, Montecompatri, Zagarolo e Roccapriora si ha la Doc Montecompatri-Colonna per bianchi ottenuti da malvasia di Candia, trebbiano e in misura minore da bellone e bonvino.

Cerca nel sito
Approfondimento

Per cantare un pò

Previsioni Meteo

Siti amici
banner_castellionline.gif